Sinestesie - Rivista di studi sulle letterature e le arti europee - Aprile 2012 Anno XI
    Cerca Feed Rss
Homepage Homepage | Associazione | Abbonamenti | Norme redazionali | Links
Letteratura Teatro Musica Libri Cinema Multimedia


TEATRO
IL LUNGO GIRO DI PINOCCHIO TERMINA AL "GESUALDO": IL CAPOLAVORO MUSICALE DI PANARIELLO NELL'ARCHITETTURA COMPOSITIVA E NELLA FUNZIONALITA' COREOGRAFICA
a cura di Giovanna Tinaro


Il lungo giro di "Pinocchio", dopo la sua prima rappresentazione nel 1998 al San Carlo, conta ormai sei anni di assidua ed entusiasmante presenza nei più prestigiosi cartelloni teatrali e nei luoghi di più sapiente memoria musicale, come a "La Scala" di Milano, al Palazzo Te di Mantova ed anche a Napoli, dove è stato ripreso per ben tre stagioni. Il Balletto di Gaetano Panariello, autore della musica, con la coreografia di Anna Razzi, direttrice della Scuola di Ballo del Teatro San Carlo, che ha infatti fornito gli interpreti, giovanissimi ma di sorprendente bravura tecnica ed espressiva, le scene di Emanuele Luzzati e i costumi di Giusi Giustino, si è concluso con grande successo di pubblico domenica pomeriggio al "Gesualdo", ultima e fiera tappa dopo il "Politeama" di Napoli, con dieci repliche, e il "Verdi" di Salerno. Lo spettacolo si caratterizza subito, fin proprio dalla prima scena della costruzione del burattino, per la forte coesione tra la magnifica sceneggiatura e la musica, sua sublime sorella. Si, perché "Pinocchio" è il primo di una serie di opere coreografiche con un denominatore comune, lo stesso gruppo di artisti coinvolti che hanno sempre lavorato insieme, con feconda e matura integrazione creativa e soprattutto con un metodo di scrittura che vede nell'artigianalità di fine Ottocento il suo parente più prossimo! Basti ricordare "Biancaneve", rappresentata al "Gesualdo" nella stagione scorsa e il "Guarracino", di cui abbiamo potuto ascoltare, un po' di tempo fa al "Cimarosa", alcuni estratti nella bellissima trascrizione per oboe ed orchestra d'archi.

L'Ouverture con cui si apre il Balletto contiene già in sé tutto il materiale tematico che sarà poi più volte esposto nel corso della "narrazione" danzata. La musica, tutta tonale, si presenta, quindi, come un tutto omogeneo fortemente legato alla coreografia ed ogni singolo frammento dell'opera concorre a dare quell'unica, irripetibile impressione di unicità e quanto mai di aderenza al racconto forse più noto della nostra infanzia. Pochi esempi... Bellissimo quel momento in cui, nel "tira e molla" tra Pinocchio ed il Grillo-coscienza davanti al Teatro dei burattini, la musica si colora di un improvviso tono tragico in previsione dello sventurato incontro con Mangiafuoco... E ancora, veramente originale il frammento jazz, che porta la firma del coreografo americano Joseph Fontano e che rappresenta un momento di deviazione alle regole che il vivere quotidiano impone, restituito, così, da una musica che è anch'essa una sorta di trasgressione alle "regole" dell'armonia generale del pezzo e che da essa si discosta maggiormente in quanto concepita nella scena del paese dei balocchi, la cui festosa ambientazione è resa dall'orchestra piena.

Notevoli, in rapporto al potere evocativo e alla resa comunicativa del racconto, sono i motivi conduttori della Fata - tema melodico per eccellenza, dalla ambientazione fluttuante, così ben evidenziata dalla leggerezza dei movimenti delle ballerine... veramente senza gravità! - e quello di Pinocchio, tutto giocato sul ritmo - il tema che, per esempio, viene esposto all'inizio nella bottega, quando Mastro Geppetto sta costruendo il suo burattino, risulta veramente di straordinaria evidenza materica: lo xilofono insieme con il pizzicato degli archi vuole così evocare il legno. Non solo, però, il tema di Pinocchio è ritmico ma, osservando il Balletto con una macroscopica lente, si può certamente affermare che tutto il "Pinocchio" di Panariello è ritmico, tutto giocato com'è sui timbri dell'orchestra... e a proposito di orchestra, massiccia è la presenza percussiva: vi sono ben tre percussionisti più il timpanista senza dimenticare poi l'arpa e il pianoforte che danno un ulteriore colore ritmico.
Di grande interesse compositivo e di sicuro molto pensata dagli autori, si rivela poi la dualità espressiva tra la componente ritmica di Pinocchio e quella melodica della Fata, dualità che trova nella granitica intesa tra tutti i mezzi artistici, il sicuro veicolo di un altissimo risultato interpretativo.





SEGNALAZIONI INTERNAZIONALI



SEGNALAZIONI BIBLIOGRAFICHE
Studi e sogni di letteratura

di Francesca Favaro
Helianthus, Ibiskos Editrice Risolo


scheda dell'autore »



SEGNALAZIONI BIBLIOGRAFICHE
Tieste

di Ludovico Dolce
a cura di Stefano Giazzon
Edizioni RES





SEGNALAZIONI BIBLIOGRAFICHE
Antiche malìe

di Salvo Ballatore
Andrea Oppure Editore
€ 9,00


scheda dell'autore »



SEGNALAZIONI BIBLIOGRAFICHE
I liutai tedeschi a Napoli tra Cinque e Seicento

di Luigi Sisto
Istituto Italiano per la Storia della Musica 2010
€ 20,00


scheda dell'autore »



SEGNALAZIONI BIBLIOGRAFICHE
I troni in polvere

di Loredana Castori
Edisud, Salerno 2009
€ 22,00


scheda dell'autrice »



SEGNALAZIONI BIBLIOGRAFICHE
Racconti fantastici

di Igino Ugo Tarchetti
Millennium Editrice
€ 9,00


scheda informativa »



SEGNALAZIONI BIBLIOGRAFICHE
Registri stilistici.
Da Dante a Pirandello e altri del Novecento

di Giorgio Cavallini
Stefano Termanini Editore
pp. 208


scheda informativa »



SEGNALAZIONI BIBLIOGRAFICHE
La fiaccola sotto il moggio

edizione critica a cura di Maria Teresa Imbriani
Gardone Riviera, Il Vittoriale degli Italiani, 2009
pp. 229, € 48,00


scheda informativa »



SEGNALAZIONI BIBLIOGRAFICHE
Di Gessner felice alunno. Aurelio de’ Giorgi Bertola e la letteratura di lingua tedesca in Italia

di Roberta Delli Priscoli
Edisud, Salerno 2009
pp. 219, € 18,00


scheda informativa »



SEGNALAZIONI BIBLIOGRAFICHE
I fiori del deserto
Sbarbaro tra poesia e scienza con testimonianze inedite

di Lavinia Spalanca
Edizioni San Marco dei Giustiniani
pp. 188, € 20,00

scheda informativa »



SEGNALAZIONI BIBLIOGRAFICHE
Il racconto delle immagini
La fotografia nella modernità letteraria italiana

di Epifanio Ajello
Edizioni ETS, Pisa
pp. 240, € 25,00


scheda informativa »



SEGNALAZIONI BIBLIOGRAFICHE
Dante Alighieri
Rime giovanili e della Vita Nuova

a cura di Teodolinda Barolini
Note di Manuele Gragnolati,
Editore BUR Rizzoli, Milano
€. 11,50


scheda informativa »



SEGNALAZIONI BIBLIOGRAFICHE
Antologie

a cura di
Bianca Maria Da Rif e Silvio Ramat,
Edizioni Poligrafo


scheda informativa »



SEGNALAZIONI BIBLIOGRAFICHE
Il ciliegio e altri racconti

di Francesca Favaro,
ali&no editrice
pp. 90, €. 14,00


scheda informativa »



SEGNALAZIONI BIBLIOGRAFICHE
Rime e lettere di Battista Guarini

a cura di
Bianca Maria Da Rif,
Edizioni dell’Orso
pp. 608, €. 35,00


Omaggio al Prof. Arnaldo Santoli
Pasolini 1975-2005
Carlo Gesualdo tra tradizione e teatro

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle novità e le iniziative di Sinestesie
REVUE des ÈTUDES ITALIENNES




MOD - Società italiana per lo studio della modernità letteraria Il Vittoriale degli italiani AIPI - Associazione Internazionale Professori di Italiano A.I.S.L.L.I. - Associazione Internazionale per gli Studi di Lingua e Letteratura Italiana Italinemo - Riviste d'italianistica nel mondo Quaderno annuale di Letteratura Italiana diretto da Mariarosa Masoero Metauro Edizioni


Homepage | Letteratura | Teatro | Musica | Libri | Cinema | Multimedia | Associazione | Informazioni legali | Privacy
Copyright © Associazione Culturale Sinestesie. Tutti i diritti riservati
Progetti Creativi. Graphic and Web Design