QUESTO SITO UTILIZZA I COOKIE E TECNOLOGIE SIMILI.

SU QUESTO DOMINIO UTILIZZIAMO I COOKIE PER MIGLIORARE I SERVIZI E L'ESPERIENZA DI NAVIGAZIONE A TE RISERVATA. SCORRENDO QUESTA PAGINA, CLICCANDO SU UN LINK O PROSEGUENDO LA NAVIGAZIONE, ACCONSENTI AL LORO USO. Per saperne di piu'

Approvo

Sommario - Numero 19 - Anno 6 - Marzo 2017

 

ARTICOLI:

 

TI MOSTRO LE CARTE IN FAVOLA. HANSEL E GRETEL

TAVOLA XVIII - UNA STREGA CHE FA

TAVOLA XLII - LA CASETTA DELLA S

TAVOLA LVII - GABBIETTA TRASFORMABILE

Si ringrazia la Prof. Arch. Clara Fiorillo per aver autorizzato la riproduzione delle tavole a colori tratte dal volume C.FIORILLO, Architectura in fabula, Giannini, Napoli 2016

Nunzia D'Antuono

 

 

 

RODARI E LA LETTERATURA PER L'INFANZIA IN ITALIA.

IMPEGNO POLITICO E CIVILE NELLE FILASTROCCHE IN CIELO E IN TERRA

Ahmed Soliman

 

 

 

 

 

 

 

 

ARCHIVIO

 

Anno 2016

 

 Numero 18- DICEMBRE 2016

 

 Numero 15- APRILE 2016

 

 

Anno 2015

 

 Numero 11- MARZO 2015

 

 Numero 12- GIUGNO 2015

 

 Numero 13- OTTOBRE 2015

 

  Numero 14- DICEMBRE 2015

 

L’isola che c’è Orizzonti letterari di bambini e ragazzi

 

A cura di Leonardo Acone

Università degli Studi di Salerno

 

COMITATO SCIENTIFICO

Leonardo Acone - Università di Salerno

Anna Ascenzi - Università di Macerata

Marinella Attinà - Università di Salerno

Flavia Bacchetti - Università di Firenze

Milena Bernardi - Università di Bologna

Emy Beseghi - Università di Bologna

Pino Boero - Università di Genova

Lorenzo Cantatore - Università Rome Tre

Sabrina Fava - Università Cattolica di Milano

Simonetta Polenghi - Università Cattolica di Milano 

 

L’esigenza di riservare una sezione ai complessi e interdisciplinari rapporti esistenti tra letteratura, letterature, arti e spazio incantato dell’infanzia, si misura in termini di urgenza e consapevolezza culturale.

 

Troppo poco considerata, la regione infantile (e giovanile) risulta, ad una attenta osservazione, un territorio di confine che fa dell’attraversamento e della fluidità le proprie peculiarità principali: una labilità strutturale che, lungi dal configurarsi quale fragilità contenutistica, rivela al contrario una ricchezza legata ad una ‘felice indeterminatezza’ che poggia su paradigmi intellettuali e scientifici che vanno dal pedagogico allo storico, dal letterario all’artistico all’estetico; e si consolidano quali orizzonti di ineludibile riferimento per comprendere al meglio le vicende del nostro vivere adulto. 

 

Che si tratti di letteratura (ed arte) ‘per’ l’infanzia o che, come spesso capita, si consideri la letteratura che ha una sua prossimità – manifesta o latente – con l’area dell’infanzia e della giovinezza (magari non essendo stata concepita con una destinazione precisa), si ha la convinzione che la possibilità di ripercorrere sentieri e percorsi fanciulli, tra storie, ricordi e racconti, possa confermarsi quale spazio essenziale, a completamento di un poliedrico prisma artistico e culturale quale è quello che prende vita tra le pagine e le riflessioni di una rivista come «Sinestesieonline».

 

Per i contenuti specifici della nuova sezione si rimanda al saggio presente in rivista, Del necessario incanto. Nota su letteratura, arti, infanzia e meraviglia (L. Acone), nel quale si delineano prospettive e coordinate rispetto alle quali iniziare, insieme, ad osservare, leggere e capire con uno sguardo ‘d’incanto’ proiettato sul mondo.

 

Leonardo Acone

Responsabile scientifico

 

 

Carlo Santoli

Direttore